A regola d’arte
Per la valorizzazione scientifica del saper fare liutario

Il progetto A regola d’arte nasce dalla volontà di valorizzare gli aspetti immateriali legati al mestiere di liutaio e la sua attuale inscrizione nella popolazione di Cremona. Prevede la realizzazione di: materiale audiovisivo da esporre negli spazi museali del Comune di Cremona e in parte sul sito del R.E.I.L.; un archivio audiovisivo presso gli spazi museali del Comune di Cremona e in copia presso il R.E.I.L.; laboratori didattici.

La produzione audiovisiva ha lo scopo di approfondire i temi che potessero mettere in luce gli aspetti immateriali della liuteria cremonese: storie di vita dei maestri, tecniche di lavorazione, apprendimento.
Un sondaggio tra i maestri liutai, gli allievi della Scuola internazionale di liuteria e la popolazione ha permesso di individuare una rosa di liutai e di apprendisti con i quali realizzare la documentazione audiovisiva.

Nei mesi di giugno, luglio e ottobre si sono realizzate le riprese: 11 interviste a maestri liutai sui propri maestri e sulla propria esperienza di apprendimento e di mestiere (Maestri); 4 tecniche di lavorazione per le quali si sono dapprima realizzate alcune riprese nelle botteghe di quattro liutai mentre erano al lavoro, poi si sono selezionate alcune sequenze di quelle lavorazioni e i maestri sono stati nuovamente invitati a commentarne in video le immagini. Il lavoro di montaggio successivo consente di condensare in clip di pochi minuti l’essenza del sapere incorporato, dei “segreti” che sono dietro a ogni fase lavorativa (Saper fare); tre giorni di interviste agli allievi della Scuola Internazionale di Liuteria A. Stradivari, dalla quale si sono prodotte 40 miniclip in cui i giovani apprendisti liutai narrano il proprio percorso umano e professionale (Apprendisti).

 

Video