Strumenti Musicali > Piffero > Costruzione > Ancia   
Strumenti Musicali > Piffero > Costruzione > Strumento   
Strumenti Musicali > Piffero > Costruzione > Tecniche costruttive   
AESS Archivio di Etnografia e Storia Sociale
La costruzione del piffero richiede una particolare abilitą nel trattamento dei materiali e nelle tecniche di lavorazione. Una volta ci si affidava a torni artigianali e parte della costruzione veniva realizzata manualmente. Oggi, invece, i costruttori attivi hanno a disposizione torni elettrici e trapani per la foratura, ma
il grado di manualitą negli interventi risulta ancora molto elevato.
I legni maggiormente usati per la costruzione del piffero sono l'ebano (soprattutto per la canna) e il bosso (che prevaleva nel secolo scorso), particolarmente adatti per gli strumenti a fiato, ma anche il palissandro, il corbezzolo, il sorbo, il pero.
Nella realizzazione dello strumento solitamente si inizia dalla canna, poi si passa alla campana e infine al musotto.

La canna
La costruzione della canna inizia con la scelta del legno, che viene tagliato nella lunghezza desiderata Video. Viene poi sgrossato lasciando un po' di spessore Immagine, per porre eventualmente rimedio a qualche errore durante la fase di tornitura Video.
Dopo averlo tornito e averne reso il perimetro circolare, il costruttore procede alla foratura longitudinale interna, con punte di diversa dimensione, lunghe e strette. Si effettua poi l'alesatura conica Video e si realizzano le sezioni di incastro.
Vengono successivamente praticati i fori digitali e di sfiato Immagine e una ulteriore operazione di rettifica del foro centrale, che deve perfettamente adattarsi al musotto e alla campana.
Durante le fasi di rifinitura esterna si eseguono anche i particolari decorativi: le filettature lineari e le modanature Video.

La campana
Per la campana il procedimento costruttivo è simile alla realizzazione della canna, con la differenza che il legno, in questo caso, è quasi sempre scavato interamente per mezzo di specifici alesatori conici Video.
Dopo aver ottenuto lo svasamento interno si procede al perfezionamento dell'esterno, già inizialmente sgrossato. In questa fase vengono eseguite le filettature decorative.

Il musotto
Viene creato dapprima il cannello conico Immagine di metallo su cui verrà fissata l'ancia. Su un pezzo di legno di dimensioni ridotte si procede inizialmente alla foratura interna e poi alla realizzazione della depressione in cui verrà alloggiato il cannello e l'ancia, assicurata con cera d'api. L'ultima fase è lo sgrossamento esterno e la lavorazione per la definizione della forma discoide e delle rifiniture Video.
È prassi comune che ogni suonatore di piffero costruisca la propria ancia Immagine, in funzione delle sue caratteristiche fisiche e del suono che desidera produrre. Infatti, in relazione alla tipologia dell'ancia si possono ottenere suoni e timbri differenti: per questo ogni suonatore possiede più ance che gli permettono di ottenere suoni leggermente diversificati.

L'ancia è costituita da due lamelle di canna (sottoposta a un processo di stagionatura di qualche anno), inserite e assicurate per mezzo di cera d'api in un dispositivo chiamato bocchetta, che consiste in un pezzo di legno lavorato, contenente una piccola depressione.
Le due lamelle dell'ancia hanno un profilo triangolare con superficie leggermente bombata.
La costruzione necessita di un periodo di tempo relativamente lungo: in primo luogo va posta la massima attenzione nella scelta della canna da utilizzare, poiché da essa dipende gran parte della qualità del prodotto.
La sezione della canna scelta viene quindi tagliata longitudinalmente in due parti. Con un coltello si raschia l'interno di una delle parti fino a quando la superficie risulta liscia e di uno spessore pari a circa un millimetro.
Successivamente, usando ancora la lama di coltello, la lamella di canna viene piegata su sé stessa. Poi viene legata con del filo nella parte inferiore e messa in forma su un legnetto sottile, detto spinotto Video.
La canna rimane in forma dai quindici giorni ai tre mesi prima di essere inserita nella bocchetta.
L'ultimo passaggio consiste nel taglio della punta dell'ancia che viene poi fissata nel corpo cilindrico dello strumento.
Parti separabili del piffero
Sgrossatura della canna
Realizzazione dei fori
Cannello conico
Lavorazione dell'ancia
Taglio del legno
Sgrossatura esterna
Alesatura conica
Modanature
Svasamento della campana
Costruzione del musotto
Lavorazione dell'ancia
 
Regione Lombardia Glossario | Bibliografia | Indici | Versione PDF | Credits