Donna lombarda
Esecuzione di Andreina Fortunati
Villa Garibaldi (MN), 1975
registrazione di Bruno Pianta
“Donna lombarda, donna lombarda,
donna lombarda,
donna lombarda ameme mi,
ameme mi.”

“Cos vot che t'ama che gh'ho il marito,
cos vot che t'ama.
Che gh'ho il marito, che lui mi vuol ben,
che lui mi vuol ben.”

“Vot ca t'insegna a farlo morire,
vot ca t'insegna?
A farlo morire t'insegnarò mi,
t'insegnarò mi.

Va' ad co' dell'orto del tuo buon padre
va' ad co' dell'orto,
del tuo buon padre, là c'è un serpentìn,
là c'è un serpentìn.

Taglia la testa a quel serpentino,
taglia la testa,
di quel serpentino, poi pestala ben,
poi pestala ben.

E poi mettila nella botticella,
e poi mettila
nella botticella del vin pusè bon,
dal vin pusè bon.”

Vien cà ‘l marito tutto assediato,
vien cà ‘l marito,
tutto assediato va a trar del vin
da quel pusè bon.

“Traghia' quel bianco, traghia' quel negro,
traghia' quel bianco.
Traghia' quel negro da quel pusè bon,
da quel pusè bon.”

“Donna lombarda, cos'ha quel vino,
donna lombarda?
Cos'ha quel vino che l'è intorbiolì
che l'è intorbiolì?”

“L'è stato il tuono dell'altra notte,
è stato il tuono,
dell'altra notte che l'ha intorbiolì,
che l'ha intorbiolì.”

Ma un bambino di pochi anni,
ma un bambino,
di pochi anni lu ‘ha palesà,
lu l'ha palesà.

“O mio buon padre, non bere quel vino
o mio buon padre.
Non bere quel vino che l'è avvelenà,
che l'è avvelenà.”

“Donna lombarda, bevi' quel vino,
donna lombarda.
Bevi' quel vino che l'è avvelenà,
che l'è avvelenà.”

“Sol per amore del re di Francia,
sol per amore,
del re di Francia io lo beverò
e poi morirò.”

Ogni goccino che lei beveva,
ogni goccino,
che lei beveva: ”addio marì,
ciao marì”.

La s'intendeva da farla agli altri
la s'intendeva,
da farla agli altri la s' l'è fata a le'
la s' l'è fata a le'.

Traduzione
“Donna lombarda, amate me”
“Cosa vuoi che t'ami, che ho il marito che mi vuole bene?”
“Vuoi che ti insegni a ucciderlo? Ti insegnerò io a ucciderlo.
Vai in fondo all'orto del tuo buon padre, là c'è un serpentello.
Taglia la testa di quel serpentello, poi pestala bene,
poi mettila nella botticella del vino più buono.”
Viene a casa il marito tutto assetato, va a prendere del vino di quello più buono.
“Prendetene del bianco, prendetene del nero, di quello più buono.”
“Donna lombarda, cos'ha quel vino che è intorbidito?”
“E' stato il tuono dell'altra notte, che l'ha intorbidito.”
Ma un bambino di pochi anni l'ha rivelato (il piano).
“O caro padre, non bere quel vino che è avvelenato.”
“Donna lombarda, bevete quel vino, che è avvelenato.”
“Lo berrò solo per amore del re di Francia, e poi morirò.”
Ogni goccino che beveva:” addio, marito. Ciao marito.”
Credeva proprio di farla agli altri ma se l'è fatta a sé stessa.