REIL PDF Stampa

SITO REIL: www.aess.regione.lombardia.it/reil

L’Archivio di Etnografia e Storia Sociale - AESS continua il suo percorso rivolto alla valorizzazione del patrimonio culturale tradizionale attraverso la realizzazione del Registro delle Eredità Immateriali della Lombardia - R.E.I.L.

In linea con il dibattito aperto dalla Convenzione UNESCO per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale, AESS promuove attraverso il R.E.I.L. nuove misure e azioni di politica culturale, volte ad attivare processi di rinnovamento e diffusione del patrimonio immateriale regionale.
I beni immateriali sono un tipo particolari di beni collettivi. Secondo la definizione dell’Unesco sono l’insieme delle pratiche, rappresentazioni, espressioni, conoscenze e tecniche che le comunità, i gruppi e in alcuni casi gli individui, riconoscono come parte del loro patrimonio culturale. Si trasmettono di generazione in generazione e sono costantemente ricreati dalle comunità e dai gruppi, in relazione al loro ambiente e alla loro storia. Esprimono specifiche e precise identità che caratterizzano socialmente e culturalmente i saperi dei luoghi e delle persone.

Il R.E.I.L. si articola – coerentemente con le indicazioni UNESCO – in cinque settori:
Registro dell’Oralità, dedicato alle tradizioni orali (formalizzate e non), alle modalità espressive, ai registri linguistici, ai valori e alle memorie collettive;
Registro delle Arti e dello Spettacolo, dedicato alle performance artistico-espressive, come la musica, il ballo, il teatro, le arti figurative, fino a comprendere le rappresentazioni tradizionali dello spettacolo di piazza e degli artisti ambulanti;
Registro delle Ritualità, dedicato ai riti religiosi e laici, alle feste, alle pratiche sociali collettive legate ai cicli di vita e dell’anno, all’intrattenimento e ad altri momenti significativi della vita culturale dei singoli e delle comunità;
Registro dei Saperi Naturalistici, dedicato alle pratiche e alle conoscenze legate alla natura e all’universo;
Registro dei Saperi Tecnici, dedicato alle tecniche lavorative e ai saperi agricoli e artigianali collegati alla produzione di oggetti duraturi ed effimeri, all’alimentazione, all’allevamento, alla caccia e pesca, ecc.

Nel 2010, attraverso invito pubblico, sono stati finanziati 29 progetti. Azioni esemplari rivolte alla sensibilizzazione verso il patrimonio immateriale e alla sua conoscenza, che possano aiutare lo sviluppo locale in termini di sostenibilità. La promozione di questi interventi può produrre un forte impatto sulle realtà locali, accrescere la consapevolezza verso le risorse culturali dei territori, favorire il rafforzamento del legame tra beni culturali e identità territoriale, coinvolgere le generazioni più giovani in esperienze dirette di ricerca sul patrimonio culturale immateriale.

Ultimo aggiornamento Martedì 20 Gennaio 2015 16:38
 

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere informazioni e aggiornamenti sulle attività e iniziative dell'Archivio di Etnografia e Storia Sociale inserendo nome ed email.